Raffadali

Di Benedetto: il "Voltano" va sciolto

E’ una società la cui funzione intrinseca si è ormai svuotata. Non svolge alcuna azione dalla quale né i Comuni consorziati, né i cittadini possano trarre un ben che minimo beneficio.

Acqua chiusa

“Scioglimento della società Voltano SPA e nomina di un liquidatore”.

Giacomo Di Benedetto ha inviato una formale richiesta al presidente del Consorzio e ai Sindaci degli altri comuni soci affinché si convochi, in tempi rapidi, l’assemblea straordinaria del Voltano con all’ordine del giorno 1) scioglimento della società 2) nomina liquidatori.

Così da addivenire all’eliminazione di  struttura ritenuta  ormai inutile e fonte di sprechi. 

“In precedenza avevo già prodotto uno specifico  atto di indirizzo per gli uffici comunali – spiega il sindaco di Raffadali – poi anche il Consiglio Comunale, su mia proposta, ha deciso di avviare una ricognizione sulle partecipate per individuare, specie in questo particolare momento di grave crisi economica, le eventuali realtà improduttive da tagliare e la cui sopravvivenza è addirittura preclusa dalle norme sulla revisione della spesa.

Il mio Comune ha più volte, formalmente, scritto alla Voltano SPA, chiedendo alla stessa di dichiarare le finalità istituzionali che, eventualmente persegue, non ci è mai pervenuta alcuna risposta. Più volte, in sede di assemblea dei soci, ho dichiarato la mia opinione circa la dubbia utilità della società ed ho manifestato l’opportunità di una sua liquidazione.

Adesso aggiungo quest’altro tassello – osserva ancora Di Benedetto – chiedo che venga convocata una seduta straordinaria dell’Assemblea con all’ordine del giorno la soppressione del Voltano, tenuto conto che le sue finalità istituzionali sono diventate pari a zero.

E’ una società la cui funzione intrinseca si è ormai svuotata. Non svolge alcuna azione dalla quale né i Comuni consorziati, né i cittadini possano trarre un ben che minimo beneficio. Anzi, produce solo costi e probabili illegittimità, per le quali, se non si interverrà tempestivamente, le Amministrazioni interessate rischiano di rispondere per danni all’erario.

E allora perché tenerla ancora in vita?” – si interroga il sindaco di Raffadali che poi chiarisce: “c’è una normativa in materia che impone, in  questi casi, di mettere in atto le procedure per giungere allo scioglimento. Da qui la mia presa di posizione di oggi – conclude Di Benedetto - per stimolare un gesto di grande responsabilità da parte dei 10 sindaci che fanno parte del Voltano finalizzato a chiudere questa esperienza che ha esaurito  la sua funzione sociale”.      

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Benedetto: il "Voltano" va sciolto

AgrigentoNotizie è in caricamento