menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesa del Carmine

La chiesa del Carmine

"La scuola adotta un monumento", studenti "ciceroni" tra i tesori della città

Si tratta di un'azione, promossa e realizzata grazie al coinvolgimento dell'amministrazione comunale. Tanti i monumenti da visitare previsti dal progetto

"Licata, Città d'Arte. La scuola adotta un monumento" è il titolo del progetto dal quale è scaturita l'iniziativa "Licata apre le porte", in programma domani 21 aprile, dalle 9 alle 14.

Si tratta di un'azione, promossa e realizzata grazie al coinvolgimento dell'amministrazione comunale, della locale sezione della Croce Rossa Italiana, della Pro Loco, del Gruppo Archeologico Finziade, dell'Unac, dell'associazione Zampognari Licatesi "V. Calamita", dell'associazione Cuntastorie con la Putia di Cuntastorie di Mel Vizzi, e degli istituti scolastici, di ogni ordine e grado presenti sul territorio.

Per un giorno, infatti, saranno gli studenti a fare da cicerone e consentire la visita di numerosi monumenti sparsi all'interno dell'intero territorio comunale.

Infatti, i monumenti da visitare previsti dal progetto sono il Rifugio aereo e Tholos di via Marconi; Teatro Re Grillo, chiostro di San Francesco e cripta dell'omonima chiesa, museo e chiesa della Carità, chiostro e santuario di Sant'Angelo, Chiesa Madre e Cappella del Cristo Nero, chiesa di San Domenico, chiostro del Carmine, Museo e Mostra fotografica permanente sullo Sbarco istituito presso la sede dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di piazza Carmine chiesa di Pompei e chiesa rupestre San Calogero, Castel Sant'Angelo e scavi archeologici dell'antica Finziade, Quartiere Marina e chiese di San Girolamo e di Sant'Agostino, Quartiere San Paolo ed omonima chiesa.

All'appuntamento di domani gli studenti sono arrivati, sotto la guida dei dirigenti scolastici e degli insegnanti, dopo un lavoro di ricerca per un loro coinvolgimento diretto alla conoscenza e trasmissione del ricco patrimonio culturale - artistico – monumentale ed archeologico di cui la città è ricca.

"Nel ringraziare l'ingegner Aldo Profeta della Cri, per il prezioso lavoro di coordinamento fatto, e quanti si sono adoperati per la riuscita del progetto, - sono le parole del sindaco Angelo Cambiano – mi piace sottolineare che l'amministrazione comunale ha sposato la lodevole iniziativa che contribuisce alla riscoperta del ricco patrimonio della città, in considerazione del fatto che la conoscenza può contribuire ulteriormente allo sviluppo socio -economico - culturale di Licata. Sopratutto in casi, come questo, in cui, i veri protagonisti della giornata saranno gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado che, attraverso la conoscenza, sicuramente, ameranno sempre più questa nostra nobile e ricca città".

Gli enti scolastici coinvolti nell'iniziativa sono gli Istituti comprensivi Giacomo Leopardi, Guglielmo Marconi, Salvatore Quasimodo, Francesco Giorgio; il liceo Vincenzo Linares, il Geometra Ines Giganti Curella, l'istituto tecnico commerciale Filippo Re Capriata, l'Euroform, Pirandello, Aletheia e l'Istituto bilingue Don Morinello 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento