rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Licata Licata

Revocata democrazia partecipata, il Comune: "Disponibili solo 229 euro"

A disciplinare l'argomento è una norma regionale che prevede l'obbligo per i Comuni di spendere almeno il 2 per cento delle somme loro trasferite

Revocata in autotutela dall'amministrazione comunale di Licata il procedimento relativo a forme di democrazia partecipata. La decisione - fanno sapere dall'amministrazione - a causa dell'esigua somma, pari a 229,29 euro, messa a disposizione dell'assessorato regionale Autonomie locali e Funzione pubblica. 

A disciplinare l'argomento è una norma regionale che prevede l'obbligo per i Comuni di spendere almeno il 2 per cento delle somme loro trasferite  con forme di democrazia partecipata, utilizzando  strumenti che coinvolgono la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse generale.

"A tal fine, - si legge in una nota - a seguito di un avviso pubblico dello scorso mese di ottobre, con il quale l'ente ha invitato la cittadinanza a presentare proposte progettuali e suggerimenti di democrazia partecipata, sono pervenute quindici istanze di partecipazione, alle quali quindi, non sarà possibile dare seguito per il motivo sopra indicato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Revocata democrazia partecipata, il Comune: "Disponibili solo 229 euro"

AgrigentoNotizie è in caricamento