Licata

Pullara: "Incendi continui a Licata frutto di una mancata programmazione e prevenzione"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Nei giorni scorsi una serie di incendi si sono sviluppati a Licata vicino al mare provocando danni e paura sulle timpe della spiaggia di Marianello e  tra i due canaloni di scolo dove ci sono molti terreni incolti, ma anche tante abitazioni e villette al mare. L'amministrazione Galanti cosa ha fatto per evitare tutto questo? Era necessario da parte dell'amministrazione programmare ed effettuare una seria e attenta prevenzione di bonifica e pulizia del territorio molto tempo prima soprattutto nelle località balneari che annualmente si affollano di turisti . Un sindaco deve pensare di tutelare e salvaguardare il proprio territorio e la salute dei cittadini . Cosa che il sindaco Galanti forse ignora?”

Sono le parole del deputato regionale l'On.Carmelo Pullara presidente Commissione speciale all'Ars.

“Con il caldo e le alte temperature estive si sà il rischio incendi è elevato ed è per questo-dichiara Pullara che occorre agire in tempo per evitare il peggio. Nei giorni scorsi vigili del fuoco e Protezione civile sono stati impegnati in un vastissimo incendio tra i due canaloni di scolo dove ci sono molti terreni incolti ma anche tante abitazioni e villette al mare. Le fiamme -continua Pullara-sono arrivate a ridosso delle case e delle strade. Tutto ciò a causa della mancata prevenzione che doveva essere fatta dall'amministrazione Galanti. Occorreva ripulire e bonificare mesi prima dell'arrivo della stagione estiva per scongiurare quanto purtroppo è accaduto nei giorni scorsi.

L’assessore Ripellino aveva assicurato, con un suo intervento, proprio il 4 luglio scorso, che il genio civile di Agrigento aveva sbloccato dei fondi per la pulizia dei canaloni e che i lavori sarebbero iniziati proprio nel territorio di Marainello e in quello di Fiumevecchio ma a quanto pare nulla si è fatto di tutto questo.   Occorreva che Galanti, oggi sindaco di Licata, con i suo assessori non avrebbe dovuto trascurare la pulizia dei terreni incolti che comportano maggiore rischio incendi, il monitoraggio costante e continuo nelle aree a maggior rischio del territorio.

Oggi – conclude Pullara - stiamo dando, ai Licatesi che vivono fuori e che sono rientrati per le vacanze e ai turisti che pian piano arrivano nonostante la pandemia, uno spettacolo indecoroso dove si sta mostrando tutte le falle della gestione di questa amministrazione. Prevenire è sempre meglio che curare .”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pullara: "Incendi continui a Licata frutto di una mancata programmazione e prevenzione"

AgrigentoNotizie è in caricamento