Mercoledì, 16 Giugno 2021
Licata

Incendi, scatta una nuova ordinanza: ecco tutto quello che è vietato

C'è l'obbligo per i titolari di aree incolte di eliminare le erbacce e non appiccare il fuoco

Rischio di incendi nelle aree incolte,  il Comune ordina ai proprietari, affittuari, o a coloro che a qualsiasi titolo godono di terreni di "procedere a propria cura e spese, entro il 15 giugno 2021, al taglio ed asportazione della vegetazione secca in genere, rifiuti o di qualunque altro materiale di qualsiasi natura che possa essere fonte d'incendio".

Fino al prossimo 15 ottobre sarà obbligatorio assicurare il mantenimento delle condizioni atte ad evitare sia il proliferare di erbacce e altre forme di vegetazione spontanea sia l’immissione di rifiuti di qualsiasi tipo.

L’Ordinanza prevede, inoltre, il divieto nei terreni ricadenti in zone soggette a particolari vincoli di tutela ambientale, paesaggistica ed archeologica di eseguire gli interventi di ripulitura o apertura di viali parafuoco in assenza del rispetto delle specifiche norme di tutela vigenti per i siti stessi e senza aver preventivamente concordato gli stessi interventi con gli Enti e le Autorità territorialmente competenti alla loro gestione e vigilanza.

Nel periodo dal 15 giugno al 15 ottobre 2021 sarà vietato accendere fuochi in corrispondenza o in prossimità di terreni agricoli, aree boscate, arborate o cespugliate, di serbatoi e tubazioni di gas, lungo le strade, nonché l’uso di apparecchi a fiamma libera o elettrici o compiere ogni altra operazione che possa generare fiamma libera. È vietata la pratica del debbio in tutte le sue varianti (fuoco corrente e fuoco coperto), in quanto, la combustione in campo dei residui agricoli produce emissioni di metano e protossido di
azoto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi, scatta una nuova ordinanza: ecco tutto quello che è vietato

AgrigentoNotizie è in caricamento