rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Licata Licata

"Truffe su acquisti online", 33 i raggiri accertati: un arrestato ed altri sei nei guai

Secondo quanto emerge dall'inchiesta denominata "Pacchi.it", il gruppo avrebbe messo in vendita auto e moto, avrebbero intascato la caparra e poi sarebbero spariti

Truffavano ignari acquirenti con false vendite su siti web. Adesso la presunta "banda" è stata scoperta dai carabinieri di Licata nel corso dell'inchiesta chiamata "Pacchi.it". Una persona è finita agli arresti domiciliari, per tre sono scattati gli obblighi di dimora (di cui due per altrettante donne) e per altri tre, invece, gli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria (di cui uno per una donna).

VEDI LA VIDEO INTERVISTA: Il capitano Marco Currao: "Intascavano fino a mille euro di caparra e poi sparivano"

L'indagine - condotta sul campo dai carabinieri della stazione di Licata e da quelli del nucleo operativo e radiomobile della compagnia - è coordinata dal pm Alessandro Macaluso, oggi trasferito in altra sede, mentre le misure cautelari sono state chieste dal sostituto procuratore Federico Panichi e firmate dal gip Alfonso Malato. In manette ai domiciliari è finito Cristofaro Famà, licatese di 35 anni. Tutti dovranno rispondere, a vario titolo, delle ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata alle truffe aggravate commesse su siti web di acquisti on line.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Truffe su acquisti online", 33 i raggiri accertati: un arrestato ed altri sei nei guai

AgrigentoNotizie è in caricamento