rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Licata Licata

Tari e Tarsu prescritti, l'Adic: "Il Comune citi in giudizio la società di riscossione"

L'associazione dei consumatori: "Non si chiedano solo sacrifici ai licatesi"

"Non arrivano risposte e chiarimenti sul tema del ripianamento dei debiti. Tutti sappiamo che non è stata l'attuale Amministrazione a provocare questo disastro finanziario e che questi debiti fuori bilancio (compreso il lodo Saiseb) sono nati nell'anno 1993 sino ai giorni nostri. Si dice che i debiti fuori bilancio oscillano tra i 40 e i 60 milioni di euro".

Lo dice il presidente dell'associazione dei consumatori Adic di Agrigento, Antonino Amato, che aggiunge: "Si dice che molti debiti sono causati da minori entrate e che c'è un evasione fiscale riguardante la Tarsu e Tari. Ormai è risaputo che a causa della Municipia Spa, società addetta alla riscossione, la Tarsu e la Tari degli anni 2011 e 2012 è andata in prescrizione. Chiediamo al sindaco ed all'assessore al Bilancio percè non citano la Municipia per danno erariale e ne chiedano il risarcimento invece di chiedere sacrifici ai licatesi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tari e Tarsu prescritti, l'Adic: "Il Comune citi in giudizio la società di riscossione"

AgrigentoNotizie è in caricamento