menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le piantine di marijuana sequestrate dalla polizia di Licata

Le piantine di marijuana sequestrate dalla polizia di Licata

"Trovato con 4.075 piante di marijuana", arrestato un trentaseienne

Ben 75 piante di "erba" erano collocate nelle serre ed irrigate con un impianto a goccia. I germogli erano, invece, ancora nei semenzai di polistirolo dove c'era scritto: "meloni pregiati"

Settantacinque piante di marijuana - con un'altezza variabile fra i 30 e i 60 centimetri, dal peso complessivo di 7 chilogrammi, - sono state trovate all'interno di alcune serre. Altre 4 mila piantine, sempre di marijuana, erano invece ancora riposte all'interno dei semenzai, per farle - secondo la ricostruzione della polizia di Stato - germogliare e dunque per collocarle sul terreno ed impiantare una nuova coltivazione.

A scoprire la coltivazione illegale, dopo una complessa attività info-investigativa, in un terreno di contrada Passarello a Licata, sono stati gli agenti della sezione Anticrimine del commissariato di Licata. Poliziotti, che coordinati dal dirigente Marco Alletto, hanno arrestato Calogero Valoroso, bracciante agricolo, di 36 anni.

VEDI LA VIDEO INTERVISTA: Il dirigente del commissariato: "Allarmante il fenomeno dello spaccio fra giovani"

Le piante di "erba" collocate nelle serre sarebbero state - stando sempre a quanto è stato ufficializzato durante la conferenza stampa, svoltasi in commissariato, - irrigate con un impianto a goccia. Quelle piccoline, ancora da piantare, erano invece nei semenzai di polistirolo dove c'era scritto: "meloni". Il tentativo, per i poliziotti di Licata, di mascherare l'illecita coltivazione. 

conferenza stampa alletto-2

"Il fenomeno è ampiamente diffuso nel nostro territorio - ha spiegato il dirigente del commissariato di polizia, Marco Alletto - . Ed è un reato questo che desta allarme sociale perché immette nuovo stupefacente sul mercato. L'aumento dell'offerta, inoltre, determina una diminuzione del prezzo della marijuana. Il che rende più accessibile l'accesso allo stupefacente da parte dei più giovani". 

La "roba" scovata ieri in contrada Passarello a Licata era certamente destinata al locale ed illegale mercato dello spaccio. Ma non è escluso che potesse anche prendere altre vie. Su questo "dettaglio", la polizia di Licata ha preferito mantenere il riserbo.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento