LicataNotizie

Emergenza rifiuti, il sindaco ordina all'Apea di prendere in consegna il centro comunale di raccolta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Allo scopo di individuare una concreta ed immediata soluzione di gestione straordinaria, che possa sin dal suo nascere il formarsi di pregiudizi per la salute pubblica, il Sindaco Giuseppe Galanti, con propria ordinanza, contingibile ed urgente,  n° 45 adottata ieri, ha ordinato alla Società Apea “di prendere in consegna temporaneamente, in nome e per conto del Comune di Licata, direttamente dalla RTI Capogruppo Iseda, il C.C.R. (Centro Comunale di Raccolta) di contrada Piano Bugiades, per il periodo che va dal 26 al 30 Giugno 2019, e di riconsegnarlo alla predetta RTI il giorno 30, nella medesima condizione in cui viene consegnato”.

Ha ordinato inoltre, sempre all'Apea, “di sottoscrivere,  sempre in nome e per conto del Comune di Licata, i verbali di presa in consegna e restituzione del C.C.R., congiuntamente alla RTI”.

Ed ancora, in deroga al Decreto Agrigento Provincia Est Ambiente, del 2008, del Ministero della Tutela del Territorio e del Mare, il Sindaco ha altresi' ordinato “di utilizzare il C.C.R. di contrada Piano Bugiades, per il deposito, movimentazione, scaricamento e caricamento, con mezzi ed attrezzature, di Rifiuti Solidi Urvabiu COD.CER 200301 e Rifiuti della Pulizia Stradale Cod. CER 200303 raccolti con compattatori o scarrabili o veicoli satelliti adibiti alla raccolta in abito urbano, compreso le autospazzatrici, e successivo caricamento su semirimorchi o cassoni scarrabili o spazzatrici, per l'avvio agli impianti di T.M.B. Di Alcamo e/o Trapani; di rimuovere e ricaricare i rifiuti, che si dovesse rendere necessario scaricare per terra, in tempi rapidi e, comunque, non oltre le 24 ore; di utilizzare il CCR anche come deposito RSU riposti negli scarrabili o altri mezzi e/o attrezzature; di pulire giornalmente, a conclusione delle operazioni di trasferimento, la pavimentazione del CCR; di avviare, con la massima urgenza che impone il caso, ogni ritenuta utile azione, anche ricorrendo a servizi di terzi, al fine di assicurare un rapido allontanamento dei rifiuti verso gli impianto di Alcamo e Trapani; di riconsegnare, il giorno 30 giugno 2019, alla RTI il CCR perfettamente pulito per come viene con segnato”. 
 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento