menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sequestra e picchia moglie e figlio per tutta la notte", convalidato l'arresto

Il gip ha applicato la custodia cautelare in carcere, la donna era stata morsa in presenza degli stessi carabinieri

Arresto convalidato e custodia cautelare in carcere. Queste le decisioni del gip Stefano Zammuto che ha accolto interamente le richieste del pm Alessandra Russo, al termine dell'interrogatorio. 

L'indagato è un quarantaduenne di Licata, arrestato dai carabinieri giovedì, all'alba, dopo una notte di violenza di cui sono state vittime gli stessi militari. Gli uomini dell'Arma prima sono riusciti a liberare la famiglia e poi, dopo circa 4 ore di dialogo e mediazione, approfittando di una momentanea distrazione del quarantaduenne, hanno fatto irruzione nell’abitazione e lo hanno arrestato.

L'indagato, difeso dall'avvocato Calogero Meli, è accusato di sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e diverse ipotesi di lesioni aggravate.

Sequestra e picchia moglie e figli, arrestato 42enne

A dare l'allarme è stato il figlio del quarantaduenne che, in lacrime, ha raccontato di essere stato brutalmente picchiato dal padre e che la madre e le sorelle di uno e due anni si trovavano ancora all'interno della casa, segregate, con lui. I carabinieri sono intervenuti subito nell'abitazione di piano Cannelle indicata dal ragazzino e hanno bussato. L'uomo ha aperto la porta e ha chiesto alla moglie chi avesse chiamato i carabinieri. 

La donna, secondo la ricostruzione dell'episodio, ha detto di non sapere nulla ma poi è fuggita tenendo in braccio le sue figlie e trovando rifugio nell'auto dei carabinieri. Il quarantaduenne, in evidente stato di alterazione dovuta all'assunzione di stupefacenti, è riuscito a picchiare la donna e morderla al volto nonostante la presenza dei carabinieri. Poi è entrato dentro l'abitazione e si è barricato. 

Dopo l'arrivo dei rinforzi, i militari - ai quali la moglie, che nel frattempo ha raccontato il martirio e le violenze continue alla quale era sottoposta, ha dato le chiavi - sono intervenuti e lo hanno bloccato ma non senza difficoltà perchè l'uomo si è scagliato contro di loro colpendo e ferendo due sottufficiali. 

L'uomo, durante l'interrogatorio, ha provato a difendersi dicendo di essere estraneo ai fatti e di non ricordare bene in quanto aveva fatto uso di psicofarmaci. Versione che viene bocciata e definita dal gip "implausibile". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento