rotate-mobile
Licata Licata

Quattordici colpi per uccidere lo zio, verso la convalida del fermo

Nei prossimi giorni andranno avanti le analisi sulla pistola calibro 9, verranno valutati gli accertamenti tecnici già effettuati e verranno analizzati i reperti balistici, i vestiti e l'autovettura del giovane

Nei prossimi giorni andranno avanti le analisi sull'arma, verranno valutati gli accertamenti tecnici già effettuati e verranno analizzati i reperti balistici, i vestiti e l'autovettura, del giovane fermato, sequestrati. 

Sulla convalida del fermo - disposto dal sostituto procuratore, titolare del fascicolo di inchiesta, Carlo Cinque per omicidio e per porto illegale di arma da fuoco - si pronunzierà il giudice per le indagini preliminari. Così come anche sull'arresto, in flagranza di reato, per coltivazione di marijuana. Pronunce che potrebbero arrivare già nella giornata odierna, anche se sembra più verosimile quella di domani.

LEGGI ANCHE: Svolta nell'inchiesta, fermato il nipote 

Sempre oggi, il sostituto procuratore Carlo Cinque dovrebbe formalizzare l'incarico al medico legale che dovrà eseguire - verosimilmente nella giornata odierna - l'autopsia sulla salma dell'agricoltore e muratore cinquantaduenne Giacinto Marzullo. L'esame autoptico servirà soltanto, a quanto pare, per avere contezza del numero di proiettili che hanno centrato, nei pressi della rotonda di Mollarella a Licata, l'uomo.

LEGGI ANCHE: "Pioggia" di proiettili sull'agricoltore

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattordici colpi per uccidere lo zio, verso la convalida del fermo

AgrigentoNotizie è in caricamento