rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Licata Licata

"Frattura il volto a botte alla ex", presunta vittima "ricercata"

Il gip aveva ordinato l'accompagnamento coattivo per ascoltarla durante l'incidente probatorio ma non si trova

Calci, pugni e denunce. Poi la rappacificazione e la decisione di non venire a testimoniare. Solo che è un obbligo di legge e il giudice dispone l’accompagnamento coattivo. Anche oggi, per la seconda volta, l’udienza è saltata. La donna non è stata rintracciata dalle forze dell’ordine che l’hanno cercata nei suoi domicili. Il gip Alessandra Vella ha rinviato l’incidente probatorio, fissato per acquisire la sua audizione e cristallizzare la prova, disponendo nuove ricerche. Un nuovo tentativo sarà fatto il 24 ottobre.

Si rappacifica e non viene a testimoniare

Protagonista della vicenda giudiziaria è F.V., licatese di 25 anni. Il giovane, difeso dall’avvocato Giuseppe Lauricella, è indagato per maltrattamenti e lesioni personali ai danni dell’ex compagna che riportò anche la frattura delle ossa nasali. A denunciarlo era stata proprio la donna di un anno più grande.

I presunti maltrattamenti sarebbero avvenuti, a Palma di Montechiaro, dove la coppia conviveva, dal giugno del 2016 all’aprile dell’anno scorso. La ragazza ha denunciato di essere stata oggetto di ripetute e gravi violenze fisiche e psicologiche. L’inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Gloria Andreoli che ha chiesto al gip Alessandra Vella di procedere all’audizione della presunta vittima nelle forme dell’incidente probatorio in modo da cristallizzare la prova e delineare meglio i contenuti della vicenda in vista di un eventuale processo.

La donna, convocata dal giudice con la polizia, in un primo momento non si è presentata per testimoniare. Dietro la scelta, secondo quanto viene ipotizzato, ci sarebbe la decisione di riallacciare una relazione con l’uomo che l’avrebbe picchiata ma i reati contestati sono perseguibili d’ufficio, tanto che l’inchiesta è stata avviata senza una vera e propria querela. Di conseguenza la testimonianza resta un obbligo e il gip aveva disposto, per questa mattina, l’accompagnamento coattivo in tribunale: in sostanza la ragazza doveva essere prelevata dalla sua abitazione dalla polizia e accompagnata in aula. Nonostante il tentativo, però, non è stato possibile rintracciarla. L’inchiesta nasce dopo un intervento della polizia, avvisata da alcuni vicini che sentivano le grida di dolore della donna, nell’abitazione dove la coppia conviveva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Frattura il volto a botte alla ex", presunta vittima "ricercata"

AgrigentoNotizie è in caricamento