Martedì, 28 Settembre 2021
Licata Licata

Abusivismo e oneri concessori non pagati, riunite le due inchieste sul porticciolo

Unica udienza preliminare per i due procedimenti, stralciate alcune posizioni per difetto di notifica

Le due inchieste che gravitano attorno al porticciolo turistico di Licata – da una parte i presunti brogli per sottrarre al Comune 7 milioni di oneri concessori e dall’altra una serie di irregolarità che renderebbero la struttura del tutto abusiva – sono state accorpate in un’unica udienza preliminare. A chiedere l’unificazione dei procedimenti era stata il pubblico ministero Alessandra Russo che, nei giorni scorsi, ha chiesto altri ventiquattro rinvii a giudizio.

"Il porticciolo è abusivo", chiesti altri 24 rinvii a giudizio

La nuova proposta di approfondimento dibattimentale (per i reati di abuso di ufficio, abuso edilizio e occupazione abusiva di area demaniale) è stata formulata, innanzitutto, per Luigi Francesco Geraci, 75 anni, imprenditore di Sommatino, titolare della società “Iniziative immobiliari” che ha realizzato il progetto e Vincenzo Ortega, 58 anni, dirigente del dipartimento Urbanistica del Comune: sono loro i due imputati che figuravano in entrambi i fascicoli. Il procedimento sarà trattato davanti al gup Giuseppe Miceli che ieri, dopo la formale riunione, ha disposto lo stralcio di alcune posizioni perché non tutte le notifiche erano andate in porto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo e oneri concessori non pagati, riunite le due inchieste sul porticciolo

AgrigentoNotizie è in caricamento