rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Licata Licata

"Pizzo sulle buste paga dei dipendenti delle coop", sei patteggiamenti

Gli impiegati della società che si occupano di assistenza dei disabili sono stati risarciti, pene fino a quasi tre anni

Tredici mesi dopo l’ordinanza cautelare, con due indagati finiti agli arresti domiciliari e tre raggiunti da un divieto di dimora a Licata, tutti gli imputati dell’inchiesta che ipotizzava l’esistenza di un’associazione a delinquere finalizzata ad estorcere parte degli stipendi ai dipendenti di due cooperative, patteggiano la pena ed evitano il processo.

Per tutti, però, è stata esclusa l’accusa di appropriazione indebita che è stata riqualificata, come chiesto dal pubblico ministero Simona Faga, in infedeltà patrimoniale, procedibile solo su querela di parte. Il gup Alfonso Malato, dopo le trattative fra difesa e accusa nei giorni scorsi, ieri mattina poco prima di mezzogiorno ha letto la sentenza di applicazione della pena. Il principale imputato è l’avvocato Rosario Magliarisi, ritenuto il dominus delle coop “Libero Gabbiano” e “Arcobaleno”, finito il 10 ottobre dell’anno scorso agli arresti domiciliari insieme a Linda Modica, 49 anni, responsabile delle due comunità d’accoglienza per minori e malati psichici: entrambi hanno patteggiato una pena di due anni, undici mesi e dieci giorni di reclusione. Un anno e nove mesi ad Angelo Magliarisi, 46 anni, fratello di Rosario, amministratore delle Onlus dall’aprile del 2009 all'ottobre del 2014; un anno e dieci mesi a Carmela Di Blasi, 67 anni, madre dei Magliarisi, amministratrice delle coop nel periodo antecedente al figlio; un anno, undici mesi e dieci giorni a Florinda Zagra, 38 anni, impiegata delle coop addetta alla gestione contabile dei rapporti con i dipendenti; e un anno e sei mesi a Luciano Ballacchino, 39 anni, amministratore unico della cooperativa “Arcobaleno” dall'ottobre del 2014 al maggio dell’anno successivo.

Le principali accuse ipotizzate erano l'associazione a delinquere, l'estorsione e l'appropriazione indebita: quest’ultima accusa è caduta. Gli inquirenti ipotizzavano il classico sistema del pizzo sulla busta paga. I dipendenti delle coop, inoltre, per evitare di essere licenziati avrebbero dovuto firmare il classico foglio di dimissioni in bianco e poi accettare di restituire di una parte consistente dello stipendio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pizzo sulle buste paga dei dipendenti delle coop", sei patteggiamenti

AgrigentoNotizie è in caricamento