menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Forse dell'ordine presenti davanti ad una villetta di Licata da demolire

Forse dell'ordine presenti davanti ad una villetta di Licata da demolire

Demolizioni, vertice in Prefettura con il sindaco ed i consiglieri comunali

La delegazione di amministratori ha detto di voler valutare la possibilità di chiedere al procuratore capo Patronaggio di sospendere, "per ragioni di equità", gli abbattimenti

Il sindaco di Licata, Angelo Cambiano, insieme al presidente del consiglio comunale, Carmelinda Callea, e ad una folta rappresentanza di consiglieri di maggioranza ed opposizione, stamani è stato ricevuto dal prefetto di Agrigento, Nicola Diomede.

E' stata la delegazione di amministratori licatesi a chiedere di poter incontrare il prefetto, per affrontare ancora una volta la questione delle demolizioni. Ciò sulla scorta del fatto che gli ex proprietari di case abusive continuano a sollecitare il Comune affinchè si fermino le ruspe.

A Licata, come è noto, le demolizioni vanno avanti ormai dallo scorso 20 di aprile e sono già 35 le villette sul mare abbattute.

La delegazione di amministratori licatesi ha detto al prefetto che, per ragioni di equità ed in considerazione del fatto che le demolizioni per il momento vanno avanti solo a Licata, sta valutando la possibilità di chiedere al procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, di sospendere temporaneamente le ruspe.

La scorsa settimana 11 consiglieri comunali, primo firmatario Angelo Iacona, avevano presentato una proposta di delibera, chiedendo, sulla scorta della legge regionale, di valutare la possibilità di usare a fini turistici le villette al mare che devono essere abbattute. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento