rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Licata Licata

La procura chiede 7 anni e mezzo di reclusione per l'ex sindaco di Licata Angelo Balsamo

Il legale è accusato di corruzione in atti giudiziari, falsa testimonianza e calunnia. Richiesta di condanna anche per gli altri due imputati

Salvatore Vella ed Ignazio Fonzo, rispettivamente pubblico ministero e procuratore aggiunto di Agrigento, hanno chiesto la condanna a 7 anni e mezzo di reclusione per l'ex sindaco di Licata Angelo Balsamo.

Lo hanno fatto nel corso della requisitoria del processo, iniziata alle 11.30 di oggi e terminata soltanto alle 17.30. I pm hanno chiesto la condanna anche per gli altri due imputati: 5 anni per Francesca Bonsignore ed 1 anno e mezzo per Carmelo Malfitano.

Il collegio giudicante è presieduto da Luisa Turco. Il processo è stato aggiornata a domani e, successivamente, al 27 ottobre per le arringhe degli avvocati difensori. Le accuse, tranne per Malfitano che risponde solo di favoreggiamento, sono di corruzione in atti giudiziari, falsa testimonianza e calunnia.

Secondo l'accusa Angelo Balsamo avrebbe istruito un falso teste per vincere una causa relativa ad un risarcimento danni, per un incidente stradale, per una sua assistita. Balsamo era stato posto ai domiciliari mentre era sindaco in carica a Licata, successivamente era tornato in libertà, ma con il divieto di dimora a Licata. All'incirca sei mesi dopo il provvedimento cautelare si era dimesso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La procura chiede 7 anni e mezzo di reclusione per l'ex sindaco di Licata Angelo Balsamo

AgrigentoNotizie è in caricamento