menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avvelenati sei randagi, avviata l'indagine sulla nuova strage

Durante il sopralluogo per recuperare le carcasse è stato appurato che qualcuno le aveva fatte sparire

È strage di cani a Licata. Sono sei, soltanto negli ultimi due giorni, i cani avvelenati in città. Le trappole mortali, con polpette avvelenate, sono state messe in tre diverse zone dell’abitato: due in contrada Faino, dove sono stati uccisi due cani di razza Corso, due in corso Argentina ed altrettanti alla Playa. Sull’accaduto hanno avviato le indagini gli agenti della polizia municipale che, tra l’altro, ieri mattina, insieme ai responsabili del canile municipale hanno eseguito un sopralluogo in contrada Faino per recuperare i cani uccisi, ma qualcuno li aveva fatti sparire.

Qualcuno, secondo la denuncia presentata da due animaliste, Daniela Sonia e Milena Bonvissuto, presidente del comitato civico Fondachello Playa, ha ucciso diversi randagi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento