rotate-mobile
Licata Licata

Licata riscopre il suo "gioiello": inaugurato il museo archeologico

Ieri la riapertura. Ricchissima la collezione, ospitata nei seicentesco complesso monastico della Badia. Presente, tra gli altri, l'assessore regionale all'Identità Siciliana Luisa Lantieri

È stato riaperto ieri sera il museo archeologico di Licata. La collezione, ospitata nei seicentesco complesso monastico della Badia, è ricchissima, va dalla preistoria all’età ellenistica. Il pezzo pregiato è, certamente, il “Tesoro della Signora”, costituito da splendidi monili in oro e 400 monete con l’effige del console Marcello, perciò risalenti alla presa di Siracusa da parte dell’esercito romano, rinvenuto alcuni anni fa a Finziade, città greca edificata sulle alture di Licata nel secondo secolo avanti Cristo.

All’inaugurazione hanno partecipato l’assessore regionale all’Identità Siciliana Luisa Lantieri, la soprintendente ai beni culturali ed archeologici di Agrigento Gabriella Costantino, il sindaco Angelo Cambiano, il professore La Torre che dal 2003 dirige gli scavi che Università di Messina e Soprintendenza di Agrigento conducono a Finziade, il presidente dell’Associazione archeologica licatese, ed ex soprintendente di Agrigento, Piero Meli.

Tanta gente ha voluto essere presente alla restituzione del museo alla città. Il sito è stato completamente rinnovato, anche come veste grafica, e nelle sei sale consente di fare un “viaggio” che parte dalla preistoria ed arriva fino al medioevo.

L'inaugurazione del museo di Licata

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licata riscopre il suo "gioiello": inaugurato il museo archeologico

AgrigentoNotizie è in caricamento