rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Licata Licata

Il Comune reclama quasi 6 milioni di oneri concessori, no dei giudici al sequestro

Il tribunale dichiara l'infondatezza della richiesta chiedendo che se ne occupi la giustizia amministrativa

Rigettata la richiesta di sequestro preventivo dei beni immobili della società' Iniziative Immobiliari Spa per un ammontare di poco più di 5 milioni e mezzo di euro, la somma che il Comune di Licata avrebbe vantato nei confronti della società a titolo di oneri concessori relativi alla realizzazione del porticciolo turistico di Licata.

La richiesta era stata avanzata dall'ex commissario straordinario del Comune di Licata Maria Grazia Brandara, attraverso l'avvocato Stefano Polizzotto. L'ente, peraltro, si è costituito parte civile al processo penale scaturito dalla vicenda. 

Si è costituita in giudizio la società' Iniziative Immobiliari Spa, rappresentata e difesa dagli avvocati Girolamo Rubino, Armando Buttitta e Massimiliano Valenza, eccependo preliminarmente il difetto di giurisdizione del Tribunale ordinario in favore del giudice amministrativo, nonchè nel merito l'infondatezza della domanda cautelare, chiedendone il rigetto per carenza dei presupposti.

In proposito il Tribunale di Agrigento, condividendo le eccezioni, ha ritenuto spettante al giudice amministrativo la cognizione della controversia.

A questo punto il Comune di Licata potrà o impugnare il provvedimento del Tribunale di Agrigento entro quindici giorni o riassumere la domanda cautelare davanti al giudice amministrativo .
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune reclama quasi 6 milioni di oneri concessori, no dei giudici al sequestro

AgrigentoNotizie è in caricamento