menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ruspe in azione

Ruspe in azione

Demolizioni a Licata, il sindaco: "Coordinamento regionale per l'abusivimo"

Il primo cittadino Angelo Cambiano si appella al presidente della Regione, Rosario Crocetta, e a quello dell'Ars, Giovanni Ardizzone

Un coordinamento regionale per l'emergenza abusivismo a Licata. È quanto richiede il sindaco, Angelo Cambiano, al presidente della Regione, Rosario Crocetta, e a quello dell'Ars, Giovanni Ardizzone. 

"L'esigenza - scrive il sindaco in una nota - è quella della creazione di un coordinamento che valuti ed affronti ogni aspetto della questione che ha assunto particolari toni e enormi dimensioni, perché mai affrontata negli anni con senso di responsabilità per trovare le giuste soluzioni".

Oggi il problema riguarda circa 250 immobili abusivi acquisiti al patrimonio comunale, "destinati a incrementarsi notevolmente in considerazione di numerosi altri procedimenti in corso di definizione", fa sapere il sindaco. "La dimensione del problema - prosegue Cambiano - è tale da non potere essere affrontato solo a livello locale da un sindaco e da un dirigente, i quali rimangono così troppo esposti a subire, come è successo, atti intimidatori, e che non hanno strumenti per legiferare. Non si ritiene possa essere affrontato solo a livello locale, anche per le note difficoltà economiche che stanno vivendo tutti i Comuni della Regione e che nel caso degli interventi di demolizione sono costretti ad anticipare le somme che saranno 'poi' recuperati a danno degli ex proprietari".

"Le demolizioni si devono fare, - puntualizza il primo cittadino - il percorso di legalità iniziato non si può interrompere, ma non si può prescindere da doverosi chiarimenti che, sicuramente, contribuiranno all'accettazione di situazioni che, altrimenti, non troveranno accoglimento nell'opinione pubblica e che inciteranno tutti quei comportamenti che oggi pericolosamente si temono. Il sindaco di Licata è la 'vittima' dell'epilogo di fatti e situazioni rimandati da decenni per i noti tempi della giustizia, ha perso la propria libertà, la sua persona è tutelata e la sua casa sorvegliata. Sono state invocate dimissioni, prese di posizioni a difesa della casa, qualsiasi indefinito intervento che serva a salvare le loro case. Ma, oggi, le vigenti leggi non offrono ad un sindaco nessuna soluzione che possa fermare le ruspe".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento