menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una pattuglia dei carabinieri

Una pattuglia dei carabinieri

Licata, un proiettile calibro 9 per un impiegato del Municipio

Al dipendente, con la corrispondenza, è arrivata una lettera che conteneva la cartuccia ed un foglietto con degli insulti

Grave intimidazione ad un dipendente del Comune di Licata. In ufficio, con la corrispondenza, gli è arrivata una lettera che conteneva un proiettile calibro 9 ed un foglietto con degli insulti. Nella missiva, secondo quanto accertato dai carabinieri che mantengono, comunque, un riserbo strettissimo sulla vicenda, non c’erano scritti che facessero riferimento all’incarico dell’impiegato in seno al Comune.

Nulla, insomma, che potesse ricondurre alle sue mansioni. I militari, che sono intervenuti al Municipio non appena è scattato l’allarme. Hanno sequestrato la busta con tutto quello che conteneva.

Da mesi, la tensione è alta al palazzo di città di Licata. Prima, un indigente ha colpito con una testata al volto il sindaco Angelo Cambiano, poi qualcuno ha appiccato le fiamme alla casa di campagna della famiglia del primo cittadino. Da quel giorno Cambiano ha un agente che lo scorta in tutti i suoi spostamenti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento