rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Canicatti Canicattì

"Tangenti in cambio di finanziamenti agevolati", attenuate quattro misure cautelari

Operazione "Giano Bifronte": nei confronti di Pietro Carusotto, 61 anni, Vincenzo Scalise, 41, Angelo Sanfilippo, 61, e Calogero Curto Pelle, 61, tutti di Canicattì, l'obbligo di dimora è stato sostituito con l'obbligo di firma

Per quattro indagati dell'operazione "Giano Bifronte", che ipotizza un giro di tangenti all'Irfis (istituto finanziario per il credito, controllato dalla Regione Sicilia), è stata decisa un'attenuazione della misura cautelare.

Si tratta di Pietro Carusotto, 61 anni, Vincenzo Scalise, 41, Angelo Sanfilippo, 61, e Calogero Curto Pelle, 61, tutti di Canicattì. Il gip Francesco Provenzano, accogliendo la richiesta dei difensori - gli avvocati Calogero Meli e Antonio Bordonaro - ha sostituito l'obbligo di dimora a Canicattì con l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria una volta la settimana. Gli indagati sono soci di varie imprese che avrebbero corrotto il funzionario dell'Irfis Paolo Minafò per ottenere prestiti a tasso agevolato senza possedere i requisiti oppure per scavalcare le altre richieste di finanziamento.

L'inchiesta, intanto, approderà al riesame la prossima settimana. 



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tangenti in cambio di finanziamenti agevolati", attenuate quattro misure cautelari

AgrigentoNotizie è in caricamento