CanicattiNotizie

"Sparò a ex marito della nuova compagna", la vittima si fa viva e chiede di costituirsi

Il trentunenne Vincenzo Curto, a processo inoltrato, chiede di essere ammesso come parte civile: lo stop dei giudici

Gianluca Scaccia

Vincenzo Curto, il trentunenne ferito a colpi di pistola il 26 giugno di due anni fa, si fa vivo a processo inoltrato e chiede di costituirsi parte civile. Il collegio di giudici della prima sezione penale presieduto da Gianfranca Claudia Infantino (a latere Clelia Maimone e Katia La Barbera), dopo un tira e molla di un’ora, ha deciso di rigettare la richiesta perché non è stata formalizzata nei termini.

La donna contesa in aula: "Gianluca era tranquillo, non sospettai di nulla"

Il processo è quello a carico di Gianluca Scaccia, trentaquattrenne accusato di tentato omicidio ai danni di Curto che sarebbe stato preso a pistolettate per motivi di gelosia. Parte, in particolare, che l’imputato (difeso dall’avvocato Angela Porcello) temesse che Curto, ex marito della sua nuova compagna, riprendesse una relazione con lei. Circostanza che, comunque, Enza Palermo, la donna al centro della contesa, interrogata alla scorsa udienza, ha smentito. Ieri mattina l’avvocato Angelo Piraino ha rappresentato in udienza che esisteva agli atti “una nomina all’avvocato Ninni Giardina in qualità di parte offesa che non ha ricevuto la notifica e, quindi, non ha potuto costituirsi in giudizio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il collegio si è ritirato per circa un’ora e nel frattempo è stato scandagliato il fascicolo. I giudici sono rientrati decidendo di revocare l’apertura del dibattimento per consentire a Curto di costituirsi parte civile. La richiesta fatta dall’avvocato Piraino, sostituto processuale della collega Giardina, di rinviare l’udienza per consentire di formalizzare la costituzione è stata, invece, rigettata anche se, teoricamente, potrebbe essere chiesta la riammissione anche in futuro. Ieri, intanto, è stato ascoltato in aula il carabiniere Francesco Di Leonardo che ha ricostruito le prime battute di indagine successive all’agguato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento