CanicattiNotizie

Quattro assalti in banche e benzinai, processo fermo dopo quindici anni

Problemi per l'assegnazione dei giudici, nemmeno un'udienza per i due presunti rapinatori accusati di avere messo a segno dei "colpi" a partire dal 2004

Quindici anni dai fatti e quasi un anno dal rinvio a giudizio, disposto dal giudice dell’udienza preliminare Alessandra Vella: il processo a carico di due presunti rapinatori, accusati di avere messo a segno quattro rapine fra banche e distributori di benzina, resta fermo al palo.

Alla precedente udienza il presidente della prima sezione penale Alfonso Malato aveva rinviato a oggi l’apertura del dibattimento dopo essersi dichiarato incompatibile, in quanto ha già trattato il procedimento nella fase delle indagini preliminari. Questa mattina l’udienza è stata aggiornata al 2 maggio per consentire agli uffici di individuare un collegio davanti al quale si possa celebrare il processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ipotesi, a questo punto, è quella di trasferire il fascicolo a un’altra sezione. Sul banco degli imputati i due presunti responsabili di quattro rapine, ai danni di distributori di benzina e banca. Si tratta dei canicattinesi Diego Cutaia, 35 anni, e Lorenzo Licalzi, 32. I due, difesi dagli avvocati Gero Lo Giudice e Angela Porcello, sono accusati di avere messo a segno quattro assalti commessi fra il novembre del 2004 e il febbraio successivo. Cutaia, armato di pistola, avrebbe rapinato un distributore di benzina di Canicattì e una banca di Camastra ottenendo un bottino complessivo di 17 mila euro. Li Calzi, sempre con una pistola, avrebbe rapinato due distributori di benzina di Canicattì e Naro e in quest’ultimo caso l’addetto al distributore fu colpito con un pugno al volto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento