rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Canicatti Canicattì

Operazione antimafia, eseguite 5 ordinanze fra Camastra e Canicattì

Quattro persone sono finite in carcere ed una è stata posta ai domiciliari. Sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamenti a mezzo incendio, detenzione illegale di armi. I NOMINATIVI

Cinque ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite all'alba dalla polizia di Stato. Quattro persone sono finite in carcere ed una è stata posta ai domiciliari. Secondo i poliziotti della Squadra Mobile e la Direzione distrettuale antimafia, i cinque vengono ritenuti responsabili di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamenti a mezzo incendio, detenzione illegale di armi comuni da sparo e da guerra.

I provvedimenti sono stati firmati dal Gip del tribunale di Palermo Giuliano Castiglia. Dell'inchiesta si sono occupati, per conto della Dda, i Pm Ravaglioli, Sinatra e Maligno. Le indagini di questa Squadra Mobile hanno permesso di aprire uno squarcio sulle realtà illecite locali e definire tutta una serie di reati posti in essere a Camastra ed Canicattì, "permettendo - ricostruisce la polizia di Stato - la cattura di elementi di spicco delle locali consorterie".

Fra i destinatari delle ordinanze di custodia cautelare spiccano tre nominativi: Calogero Di Caro, ritenuto capomandamento di Canicattì; Rosario Meli di Camastra ed il figlio Vincenzo.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà in Questura, ad Agrigento, alle  11.

Operazione antimafia, gli arrestati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione antimafia, eseguite 5 ordinanze fra Camastra e Canicattì

AgrigentoNotizie è in caricamento