Domenica, 25 Luglio 2021
Canicatti

Omicidio Vinci, due i fendenti sferrati: sequestrato un coltello da circa 35 centimetri

Alla tragedia, a quanto pare, avrebbero assistito numerosi testimoni, alcuni dei quali sarebbero stati convocati in caserma per verbalizzare i loro racconti

La caserma dei carabinieri di Canicattì, nel riquadro in alto Marco Vinci, in basso Daniele Lodato

Sarebbero state due le coltellate sferrate. Coltellate che avrebbero centrato all'addome il ventiduenne canicattinese Marco Vinci. Non ci sono ancora conferme ufficiali. Ed è probabile, a questo punto, che potranno arrivare soltanto dopo l'esame autoptico. In piazza Dante, quando sono arrivati i soccorritori del 118, a poca distanza dal ventiduenne, gravemente ferito, pare che sia stato subito scorto un coltello da cucina. Un coltellaccio da circa 35 centimetri, di cui 26 circa di lama.

LEGGI IL FATTO: Difende una donna e viene accoltellato, muore un ventiduenne 

L'arma dell'omicidio è stata, naturalmente, sequestrata dai carabinieri di Canicattì che si stanno occupando delle indagini. Un'inchiesta che è coordinata dal sostituto procuratore Alessandra Russo. Un trentaquattrenne, già stanotte, subito dopo l'accoltellamento, è stato fermato e successivamente portato in carcere. Si tratta di Daniele Lodato, volto già noto alle forze dell'ordine

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Vinci, due i fendenti sferrati: sequestrato un coltello da circa 35 centimetri

AgrigentoNotizie è in caricamento