Canicatti

Giovane ucciso davanti al pub, la difesa: "Tragica fatalità"

L'avvocato Angela Porcello chiede la derubricazione del reato in "omicidio preterintenzionale" per il trentaquattrenne Daniele Lodato

Da sinistra Marco Vinci e Daniele Lodato

“Non voleva ucciderlo, è stato un incidente. Lo ha colpito per ferirlo al culmine di un litigio”: dopo la requisitoria del pubblico ministero Alessandra Russo, che ha chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per Daniele Lodato, 34 anni, di Canicattì, imputato dell'omicidio del ventiduenne Marco Vinci, ucciso a coltellate il 17 giugno dell’anno scorso davanti a un pub di piazza San Domenico, è stata la volta dell’arringa della difesa.

Giovane ucciso davanti al pub, il pm: "Condanna a 30 anni di carcere"

L’avvocato Angela Porcello ha chiesto la derubricazione del reato in omicidio preterintenzionale sostenendo che “Lodato non aveva alcuna intenzione di uccidere Vinci”. Il delitto è avvenuto al culmine di un litigio scaturito dal fatto che Lodato avrebbe importunato un’amica di Vinci. “C’è stata una colluttazione e lo ha colpito col coltello ma senza alcuna intenzione di ucciderlo”.

Omicidio Vinci, il legale dei familiari: "Ha ucciso con arroganza e disprezzo"

Questa la tesi dell’avvocato Porcello che, in subordine, ha chiesto al giudice Alfonso Malato di escludere le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi che, invece, il pm aveva contestato aggiungendo che si è trattato di un omicidio “commesso per dare una lezione e lavare il proprio onore dopo avere avuto la peggio in una colluttazione”. La sentenza sarà emessa il 18 giugno dopo le eventuali repliche delle parti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane ucciso davanti al pub, la difesa: "Tragica fatalità"

AgrigentoNotizie è in caricamento