menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Vinci e Daniele Lodato

Marco Vinci e Daniele Lodato

Giovane ucciso davanti al pub, la difesa di parte civile: "Omicidio premeditato e arrogante"

L'avvocato Santo Lucia, legale dei familiari del ventiduenne Marco Vinci, in aula: "Ha lasciato il coltello sul corpo della vittima come segno di disprezzo"

"E' stato un omicidio premeditato e senza alcuna attenuante, dettato dall'arroganza. L'imputato ha persino lasciato il coltello sul corpo della vittima in segno di disprezzo e perchè fosse chiaro a tutti cosa succedeva a chi gli avrebbe mancato di rispetto". Dopo la requisitoria del pubblico ministero Alessandra Russo, che all'udienza precedente aveva chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per Daniele Lodato, 34 anni, di Canicattì, imputato dell'omicidio del ventiduenne Marco Vinci, ucciso a coltellate lo scorso 17 giugno davanti a un pub di piazza San Domenico, è toccato alle parti civili.

Ucciso davanti al pub, il pm chiede trenta anni

L'avvocato Santo Lucia, difensore dei familiari del ragazzo ucciso, perchè - secondo l'accusa - avrebbe difeso un'amica importunata da Lodato e da lì ne sarebbe scoppiata una rissa, ha illustrato la sua arringa chiedendo la condanna dell'imputato e sottolineando che "è stato un delitto che non merita alcuna attenuante e sul quale non possono esserci dubbi in relazione alla premeditazione visto che Lodato tornò a casa e andò a prendere la macchina dove c'era il coltello nonostante la sua compagna lo avesse invitato, più volte, tramite messaggio, a lasciar perdere". 

L'omicidio davanti al pub, Vinci ucciso da una coltellata al cuore

Il processo - con il rito abbreviato  - è in corso davanti al Gup del tribunale di Agrigento Alfonso Malato che, lo scorso metà marzo, rigettò la richiesta della difesa di concedere gli arresti domiciliari, con il braccialetto elettronico, all'imputato.

Ucciso per avere difeso l'amica, chiesta scarcerazione

Il pm ha qualificato il delitto come volontario e premeditato. L'imputato è difeso dall'avvocato Angela Porcello che illustrerà la sua arringa il 4 giugno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento