rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Canicatti Canicattì

Gettoni di presenza e danno erariale, assolti 11 consiglieri comunali

Per il Comune, oltre al danno, la beffa di dover liquidare 2mila euro per le spese legali a ciascuno degli eletti

Tutti assolti gli undici consiglieri comunali di Canicattì, che nel 2003 triplicarono il gettone di presenza con una delibera. Secondo i giudici della Corte dei conti - si legge sul Giornale di Sicilia - il danno erariale c'è stato, ma i responsabili non sono i consiglieri comunali. Dunque, adesso, per il Comune, oltre al danno, la beffa di dover liquidare 2mila euro per le spese legali a ciascuno dei consiglieri.

Pur ravvisando il danno erariale di oltre 600mila euro per i gettoni percepiti dall'ottobre 2003 all'autunno 2004, la responsabilità - secondo i giudici contabili - non è in capo ai consiglieri che hanno votato l'atto, né tanto meno dei dirigenti e funzionari comunali. I giudici però nella loro sentenza, sostengono che "i consiglieri comunali subentranti avevano l'obbligo di verificare l'effettiva rispondenza dei compenso percepito alla disciplina vigente", e ancora i consiglieri avrebbero dovuto "rimediare all'errore da altri commesso, riconducendo l'importo del gettone entro la previsione regolamentare". Riduzione poi avvenuta con la delibera del nuovo consiglio comunale, ma solo dopo l'apertura dell'istruttoria della Corte dei conti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gettoni di presenza e danno erariale, assolti 11 consiglieri comunali

AgrigentoNotizie è in caricamento