menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

Crisi dovuta al Coronavirus, il comune tende una mano ai ristoratori e commercianti: via alle agevolazioni

Il Coronavirus non molla la presa. Il sindaco Di Ventura ha chiesto a gran voce prudenza e rispetto delle regole

Il Comune di Canicattì tende una mano ai commercianti. Sono giorni complicati e la crisi economica per via del Covid 19 sta coinvolgendo diversi settori.

Per questo, il Comune, ha disposto delle agevolazioni relative al canone patrimoniale unico , nonché l’occupazione di nuovi spazi sull’area pubblica in prossimità del relativo esercizio o l’ampliamento dell’area pubblica precedentemente concessa al fine di recuperare la parte di capienza persa all’interno dell’esercizio causa restrizioni Covid.  

"Le occupazioni - fanno sapere dal Comune - che verranno rilasciate e quelle che saranno prorogate fino al 30 giugno 2021 sono pertanto esonerate dal pagamento del canone patrimoniale di concessione e autorizzazione o esposizione pubblicitaria. I soggetti interessati sono ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie e simili, bar, caffè, gelaterie, pasticcerie, gastronomie e simili, esercizi in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, sale da gioco, locali notturni ed esercizi similari, esercizi nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione. L’agevolazione sarà attribuita solo a coloro che sono in regola con i pagamenti per gli anni precedenti, fatta salva l’eventuale presentazione di un piano di rientro concordato ed approvato dal settore Tributi da attivarsi solo previo versamento anticipato di una somma pari alla prima rata del piano concordato". 

A parlare dell'attuale situazione è il sindaco, Ettore Di Ventura. “Comprendiamo e condividiamo le difficoltà degli esercenti, pesantemente colpiti dalla pandemia e, adesso, dalle restrizioni causate dalla zona rossa. Nessuno avrebbe potuto immaginare un così lungo perdurare dell’emergenza che ha ridotto allo stato di necessità interi nuclei familiari. Auspichiamo che con l’ampliamento della campagna di vaccinazione e il rispetto delle regole si possa riprendere in sicurezza le proprie attività e tornare presto alla tanta desiderata normalità”. 

I controlli

Non si arrestano i contagi a Canicattì. Per questo è stata proogata la "Zona rossa". Il sindaco Di Ventura, dunque, ha inviato i cittadini alla massima prudemza, non solo. Dal Comune hanno adottato misure di conteimento dell'epidemia. Le disposizioni sono attiva da ieri e dureranno fino al prossimo 28 aprile.

"Sarà pienamente operativo il Coc Sanitario di Protezione Civile - fanno sapere dal Comune - al momento fino alla scadenza della durata della zona rossa locale. Tutte le azioni che riguardano il controllo del territorio sono state concordate nella giornata di ieri, durante un comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza alla presenza del prefetto. Stamani è pervenuta la conseguenziale ordinanza della questura di Agrigento con la quale si dispone il servizio di vigilanza ai principali varchi di accesso, nonché all'interno del centro abitato, attraverso il coordinamento delle forze di Polizia, al fine di garantire il rispetto delle prescrizioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento