CanicattiNotizie

Banda di ladri ripulisce un bar: arraffati soldi, apparecchiature e bevande

Il danno è stato stimato in circa 11.500 euro. I ladri, a quanto pare, non si sono lasciati dietro le spalle nessuna traccia

Il danno è stato stimato in circa 11.500 euro. Colpo grosso, quello che è stato messo a segno in un bar del centro cittadino di Canicattì. Ad accorgersi della razzia e a richiedere l’intervento dei carabinieri è stato il gestore: un trentatreenne. I militari dell’Arma hanno fatto il sopralluogo e hanno appurato l’effrazione e la razzia. I malviventi – quasi certamente una banda – senza essere visti, né tantomeno sentiti, sono riusciti a portar via il  registratore di cassa dove c'erano 850 euro, due casse acustiche, un mixer, un tablet, confezioni di alimenti e di alcolici e un proiettore. Il danno è stato stimato, appunto, in circa 11.500 euro ed è coperto da assicurazione.

I ladri, a quanto pare, non si sono lasciati dietro le spalle nessuna traccia. L’attività investigativa dei militari dell’Arma si preannuncia essere, pertanto, decisamente complicata. I carabinieri, dopo il sopralluogo di rito, hanno raccolto la denuncia contro ignoti e subito è stata rastrellata l’intera zona. Intanto, come procedura investigativa impone, è stata verificata la presenza di eventuali telecamere di video sorveglianza, sia pubbliche che private. Non è filtrata nessuna indiscrezione, ieri, al riguardo da parte degli investigatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carabinieri che, naturalmente, intendono vederci chiaro e identificare – il più rapidamente possibile – gli autori di quello che, effettivamente, è stato un maxi furto. Un colpo che è stato messo a segno dopo aver appositamente, praticamente ad arte, danneggiato l’impianto di video sorveglianza privato posto a presidio del locale. Un dettaglio questo che non è indifferente: evidentemente i delinquenti sapevano dove mettere le mani e come muoversi. Il segnale, questo, di un furto quasi sicuramente studiato e pianificato prima di entrare in azione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: calano i contagi, ma ci sono Comuni dove si registra un'impennata

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus: boom di contagi in città (+7), Licata (+7) e Canicattì (+10), positivi alunni, docente e operatore: scuole chiuse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento