Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Spacciavano seduti sul motorino o al bar": ecco le immagini realizzate dalla Squadra Mobile

I poliziotti hanno utilizzato anche le telecamere per portare alla luce le numerose cessioni di stupefacenti nel centralissimo piazzale Giglia di San Leone

 

La Squadra Mobile ha realizzato - in quella che è stata l'inchiesta antidroga "Sunlight drug" -  un'indagine tradizionale e tecnica: anche con l'ausilio di telecamere che hanno permesso di portare alla luce numerose cessioni di stupefacenti nel centralissimo piazzale Giglia di San Leone. Gli indagati - stando alla ricostruzione ufficiale della Squadra Mobile - spacciavano noncuranti dei numerosi passanti e senza alcuna remora o precauzione. 

"Spacciavano hashish, anfetamine, ecstasy e cocaina a San Leone": 5 giovani finiscono nei guai

Il capo della Squadra Mobile di Agrigento, il vice questore aggiunto Giovanni Minardi, ha evidenziato - durante la conferenza stampa svoltasi in Questura - un dettaglio decisamente allarmante: "A fronte di fiumi di episodi non abbiamo registrato veramente neanche una misera segnalazione. Ricordo a tutti - ha detto Minardi - che c'è la app della polizia:  youpol. Non c'è bisogno di registrarsi e la segnalazione avviene in maniera assolutamente anonima, si può mandare un video, una foto che, adesso, è semplice realizzare con i cellulari". 

L'INTERVISTA. "Droga di mano in mano in pubblica piazza", Minardi: "Nemmeno una segnalazione, come è possibile?"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento