Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via Garibaldi, dopo il crollo abbandonate pietre e transenna

I fatti risalgono ad oltre due mesi fa, ma ancora oggi per terra ci sono le lastre staccatesi dal costone dell'Addolorata

 

Si tratta di pochi metri e, ad occhio, di qualche decina di chili di pietre. Eppure sembrano inamovibili. Siamo in via Garibaldi, alle porte del quartiere arabo del Rabato lungo la strada di accesso (praticamente l'unica) a questa porzione del centro storico: un budello curvilneo che sale tra la chiesa dell'Addolorata e quanto resta delle cosiddette "case trogloditiche".

Via Garibaldi, un cantiere in mezzo al nulla

Qui, i primi di novembre, le forti piogge provocarono il distacco di alcune porzioni di tufo che portarono all'inibizione dell'area. Disgaggiati i massi più pericolosi la strada fu riaperta, ma la transenna non è stata mai rimossa, così come le poche pietre rimaste, che paiono quasi conservate all'interno della "lapazza" posizionata dal Comune.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento