Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Turisti alla Scala dei Turchi nonostante i divieti: installate nuove transenne

 

Sono stati in tanti ad aver oltrepassato le transenne, installate dopo i recenti crolli, per raggiungere la Scala dei Turchi. Turisti e semplici appassionati del luogo, non hanno badato ai divieti ed hanno oltrepassato l’ostacolo così da prendere il sole sulla scogliera di marna.

Nuove transenne alla Scala dei Turchi

"La Protezione civile - scrive in una nota l'associazione Mareamico, che ha girato anche un video dei turisti che oltrepassano le transenne - ha realizzato un progetto per permetterene la riapertura. Il progetto consiste nel disgaggio (si rimuoveranno parti e frammenti di roccia a rischio di distacco e caduta) e verrà anche messa in sicurezza la parte sommitale del balcone calcarenitico di Scala dei turchi, con un intervento di consolidamento efficace ma invisibile agli occhi dei visitatori (dello stesso colore delle rocce). Infine verranno pure sistemate le grosse pietre, che nel tempo sono cadute in spiaggia, mentre l'amministrazione in questo lungo periodo di chiusura, invece di sostenere questo progetto, ha solo pensato di costruire un'orribile passerella sull'acqua, che nessuno mai autorizzerà".

Turisti raggiungono la Scala, nonostante i divieti

Intanto, ieri, da metà mattinata, sono state posizionate nuove transenne. “Ci siamo accorti che era stato realizzato, a causa del passaggio delle persone, una sorta di viottolo lungo la collinetta – ha spiegato il sindaco di Realmonte, Calogero Zicari - . Abbiamo subito fatto installare anche le transenne nella parte alta. Ieri, fra l’altro, c’è stato anche il presidio della Capitaneria di porto”. Il Comune di Realmonte ha appena tre agenti della polizia municipale. Impensabile, dunque, ipotizzare di creare un vero e proprio presidio perché verrebbero interrotti tutti gli altri servizi.

"Il progetto per la messa in sicurezza, realizzato dalla Protezione civile regionale, è pronto – ha spiegato Zicari - . Giorno 16 aprile abbiamo il primo tavolo tecnico con la Sovrintendenza e il Genio civile per l’approvazione. Si tratta di un progetto da 330 mila euro. Non credo che riusciremo a rendere fruibile l’area entro l’estate. Ci sono i passaggi formali da rispettare e c’è anche da trovare i fondi, 330 mila euro appunto, per realizzare i lavori".

(VIDEO: MAREAMICO)

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento