Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fra rotonde "selvagge" e rifiuti: ecco la statale 640, "Mani Libere": "Perché nessuno difende il territorio?"

A parlare - di degrado e abbandono - sono le immagini. L'associazione: "L'Anas di che cosa si occupa?"

 

"Perché i sindaci non difendono il territorio? Anas di cosa si occupa? Dove sono i consiglieri?". E' ponendo questi interrogativi e lasciando "parlare" le immagini che l'associazione "Mani Libere" - di cui è responsabile Peppe Di Rosa - ha focalizzato l'attenzione sulle rotonde della raddoppiata, ma non solo, statale Agrigento-Caltanissetta. E a parlare - di degrado e abbandono - sono appunto le immagini della rotonda degli scrittori, di contrada Petrusa (che non è, appunto, sulla raddoppiata carreggiata) e di San Benedetto. 

L'associazione "Mani Libere" non si è soffermata però sui sacchetti dei rifiuti che, in un senso di marcia come nell'altro, costeggiano l'intero itinerario. Cumuli di immondizia che, di recente, erano stati eliminati: c'era stata una bonifica. Ma che, purtroppo, sono spuntati ancora una volta. Evidenziata, però, la chiusura - nel senso di marcia Agrigento-Caltanissetta - di una porzione che sembra diventare sempre più lunga del tratto fra la città dei Templi e Favara. La carreggiata, da mesi e mesi ormai, è parzialmente sbarrata. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento