rotate-mobile

Limitazioni negli investimenti? Lavoratori e aziende scendono in piazza

Il sit-in di protesta è stato promosso dalle organizzazioni sindacali di categoria delle aziende che insistono nella zona Asi

I lavoratori aderenti alle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil delle aziende che operano nella zona industriale di Agrigento hanno incrociato le braccia animando un sit-in di protesta che si è svolto in piazza Cavour.

Lo stato di agitazione, proclamato nei giorni scorsi dai sindacati, si deve al rischio che alcuni investimenti vengano di fatto "intralciati" dalla presenza di un istituto scolastico, l'Ipia "Fermi", che si trova incolpevolmente lì da alcuni anni dopo che la sede principale, in via Mattarella, è stata chiusa perché costruita con calcestruzzo depotenziato.

La vicenda è stata raccontata da Agrigentonotizie già nei mesi scorsi: da ultimo a ricevere un "niet" proprio per la presenza dell'istituto in zona industriale, era stata un'azienda privata che intende realizzare un impianto di trattamento dell'umido. Da allora numerosi incontri si erano tenuti in prefettura e dinnanzi all'ex provincia, che però al momento non ha le risorse (quantificate in milioni di euro) per recuperare l'ex istituto.

A chiedere il trasferimento era stato, nei giorni scorsi, anche l'associazione ambientalista Mareamico, che ha denunciato presunti problemi di salute per gli studenti: ipotesi fermamente respinta dalla direzione dell'istituto, che ha parlato di valori dentro la norma, controlli periodici e soprattutto dell'assenza di segnalazioni in tal senso.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Limitazioni negli investimenti? Lavoratori e aziende scendono in piazza

AgrigentoNotizie è in caricamento