Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso Mare Jonio, parla l'armatore Caccia: "Niente atti scritti che vietano l'entrata in acque territoriali"

Dopo essere stato ascoltato, l'uomo ha lasciato l'ufficio circondariale marittimo della Guardia costiera di Lampedusa

 

Il procuratore aggiunto Salvatore Vella e il sostituto Cecilia Baravelli hanno iniziato, a Lampedusa, gli interrogatori. Verranno sentiti i componenti dell'equipaggio, e quanti erano sulla nave Ong, della "Mare Jonio". Verranno ascoltati anche i 50 migranti che sono stati soccorsi a circa 46 miglia dalla costa libica. La Procura della Repubblica di Agrigento, nel tardo pomeriggio di ieri, ha aperto un fascicolo d'inchiesta, a carico di ignoti, per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Caso "Mare Jonio" via agli interrogatori: verranno sentiti i componenti dell'equipaggio

L'armatore di "Nave Jonio", Beppe Caccia esclude la presenza di documenti ufficiliali che inibivano l'ingresso dell'imbarcazione dell'Ong "Mediterranea" in acque italiane. A dirlo è stato lo stesso Caccia all'uscita dell'ufficio circondariale marittimo della Guardia Costiera di Lampedusa.

"Ho chiesto alla Guardia di Finanza di Lampedusa - ha detto l'armatore -  di potere vedere l'atto di queste non meglio precisate autorità italiane che ci vietava l'ingresso nelle acque territoriali e loro - ha aggiunto -  non sono stati in grado di mostrarmi nessun atto scritto che ci vietasse di entrare nelle acque. Quindi - ha concluso Caccia -  c'era solo questa comunicazione via radio". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento