Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Gessica Lattuca è sepolta al cimitero", il loculo indicato dal testimone verrà aperto

Una testimone avrebbe indicato il luogo del cimitero di Favara dove sarebbe stato occultato il cadavere della giovane

 

Verità o ennesima bufala? La risposta a questo interrogativo potrebbe giungere presto, parliamo del caso della scomparsa di Gessica Lattuca, la ventisettene di Favara di cui si sono perse le tracce dal 12 agosto scorso. Su disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento, nella mattinata di domani, mercoledì 6 marzo, si aprirà il loculo cimiteriale indicato da una insegnate in pensione quale luogo dell’occultamento del cadavere della giovane madre di quattro bambini.

L’indagine potrebbe dunque arrivare a una svolta anche se secondo gli stessi inquirenti, la versione fornita dalla donna, sarebbe da prendere con le pinze. La signora, avrebbe detto che il 18 gennaio scorso, recandosi al cimitero per fare visita alle tombe dei propri genitori, avrebbe incontrato il papà di Gessica.

Secondo la versione della donna, Giuseppe Lattuca, avrebbe esclamato: "Gegè beddra mia", dopo, sempre secondo l’insegnante in pensione, il papà di Gessica avrebbe ricevuto una telefonata da una voce femminile, conversazione che la stessa avrebbe ascoltato perché fatta in vivavoce.

Secondo la testimone, l’interlocutrice misteriosa, al telefono, avrebbe rimproverato il padre di Gessica perché lo stesso, non dovrebbe recarsi in quel posto”. Secondo alcune fonti, quella che in molti chiamano la supertestimone che in un primo mmento era stata definita inattendibile dagli inquirenti, si sarebbe inventato tutto.

Nonostante i riscontri investigativi però, la segnalazione verrà esaminata ugualmente per fugare ogni eventuale dubbio. Solo dopo aver aperto quella tomba gli inquirenti potranno scoprire se la testimone ha detto la verità o se invece sono incappati nell’ennesima segnalazione fuorviante, diverse delle quali fatte in modo anomino. In questo caso però, I carabinieri conoscono l’identità della donna che, in caso di segnalazione mendace, rischierebbe anche una denuncia. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento