Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mandorlo in Fiore, Parello: "Ormai un evento di valore internazionale"

Ben 22 i patrimoni partecipanti, previste iniziative di animazione territoriale e laboratori di cucina e tradizioni popolari

 

Un Mandorlo in fiore che punta sul "sicuro", su quelle innovazioni che nel 2018 hanno portato a risultati importanti, ma che ha ancora voglia di sperimentare. E' questo il "mix" presentato stamattina dal Parco Archeologico, che ormai da alcuni anni si fa carico, economicamente e burocraticamente della kermesse folk.

"Stiamo riprendendo il format degli anni precedenti - spiega il direttore de Parco Giuseppe Parello -, quindi  ci sarà una grande attenzione alla qualità delle performance che, come sapete, sono espressioni di patrimoni immateriali dell'Unesco. Quest'anno abbiamo ben 22 patrimoni presenti, forse un record, e abbiamo dovuto dire no ad almeno altre 10 richieste. Questa è la prova che il Mandorlo sta crescendo nella reputazione internazionale e il format funziona".

Ecco nel dettaglio il programma dell'edizione 2019

L'edizione 2019, continua Parello, vedrà il coinvolgimento di "moltissime associazioni locali" che hanno partecipato fin dalla fase organizzativa e presentato istanze che "hanno come tema principale naturalmente il recupero e la valorizzazione del nostro patrimonio tradizionale". "L'articolazione dell'evento, studiata con i tour operator - continua Parello -, sarà in tre fasce cronologiche. Il primo week end sarà dedicato ai bambini, con il festival dei Bambini del mondo e altre iniziative dedicate alla didattica. La parte centrale sarà dedicata alle tradizioni enogastronomiche locali, soprattutto la mandorla, con due prestigiose collaborazioni: una con Mandorlara e poi una bella novità che è il coinvolgimento delle 'Soste di Ulisse' che parteciperanno con un laboratorio rivolto ai bambini con chef stellati come Pino Cuttaia. La kermesse si chiuderà come sempre con le performance in città e le attività tradizionali come la sfilata, la fiaccolata e le esibizioni finali al tempio della Concordia". 

"Quest'anno le 'Soste di Ulisse' - spiega lo chef Cuttaia - parteciperanno agli eventi del Mandorlo in Fiore svolgendo un laboratorio rivolto ai bambini e al tema dello spreco alimentare, che è un aspetto prettamente culturale. Loro, i bambini, sono a volte i primi a darci gli esempi ed è quindi essenziale partire dai più picoli per invertire una tendenza"-

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento