Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vent'anni senza Antonella Ferro, l'emergenza Coronavirus cancella le commemorazioni in suo onore

Il fratello della studentessa vittima di femminicidio: "Il suo ricordo è sempre vivo, speriamo che tutto finisca presto"

 

Sono trascorsi venti anni dal brutale assassinio della studentessa raffadalese Antonella Ferro, la diciottenne accoltellata a morte dall’ex fidanzato che non si era rassegnato alla fine della loro storia. Se non fosse subentrata l’emergenza Covid-19, la città di Raffadali oggi l’avrebbe ricordata con la collocazione in via Algeria, di una panchina rossa, simbolo quest’ultima del femminicidio. L’inziativa promossa dal gruppo locale del “Rinnovamento  nello Spirito Santo” è stata dunque rinviata a data da destinarsi. Il fratello di Antonella, Giovanni, ci ha tenuto comunque a ringraziare gli orgnizzatori. 

Concluso il II Memorial Antonella Ferro di go-kart
Concluso il II Memorial Antonella Ferro di go-kart

"Sono trascorsi venti anni dalla scomparsa di Antonella e il suo ricordo – dice Giovanni Ferro – è sempre molto vivo, allora non si parlava  così tanto di femminicidio, oggi si organizzano manifestazioni, si fanno denunce sociali in difesa delle donne vittime di violenza. Queste manifestazioni  - ha aggiunto il fratello - ci  toccano  il cuore, ringraziamo gli organizzatori e speriamo che, quanto prima, tutto torni alla normalità è finisca l’allarme del virus”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento