rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022

"I tesori di Akragas" sono in mostra, Parello: "Riallacciato il legame col Regno Unito"

C'è l'anfora a figure nere con scene di lotta tra atleti. Uno straordinario vaso attibuito al gruppo di Polignoto ed il rilievo di Paride, Pelope o Ierone I. Ma ci sono anche i calchi che Alexander Hardcastle inviò al British, al suo museo, negli anni in cui visse ad Agrigento e finanziò sia le ricerche archeologiche che i restauri. Perché quello che allora si trovò, con i fondi di sir Hardcastle, è ad Agrigento che è rimasto ed a Londra sono finiti soltanto dei simbolici, ma preziosi, calchi.

"I tesori di Akragas" sono tornati a "casa" ed all'inaugurazione della mostra - questa sera, a villa Aurea, - c'era tantissima gente. Fra loro, anche l'arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro.

LEGGI ANCHE: Tutto pronto a Villa Aurea per l'inaugurazione   

"La mostra vuole riallacciare il filo che già in passato ha legato la Valle ed il suo patrimonio al Regno Unito" - ha detto il direttore del Parco archeologico Giuseppe Parello - . Sono esposti anche i disegni originali fatti nel 1812 su Akragas. Si tratta di disegni sull'architettura greca, sullo studio del tempio di Zeus olimpico. Disegni che hanno tentato di capire come dovevano essere inseriti i telamoni.

La mostra resterà visitabile fino al 13 ottobre. 

Video popolari

"I tesori di Akragas" sono in mostra, Parello: "Riallacciato il legame col Regno Unito"

AgrigentoNotizie è in caricamento