Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anziani rapinati, Pacifico: "Responsabili scoperti grazie alla collaborazione dei cittadini"

Forte appello da parte del colonnello Vittorio Stingo ai parenti di persone avanti con gli anni: "Non lasciateli soli"

 

Dopo la brillante operazione dei carabinieri che ha portato all’arresto dei quattro uomini di palma di Montechiaro, ritenuti gli autori della violenta rapina ai danni dei tre anziani, commessa nel maggio scorso, nelle campagne di Racalmuto, il comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Vittorio Stingo, con l’avvicinarsi delle festività, lancia un appello ai familiari delle persone anziane che vivono da sole.

L'appello della Procura: "Non lasciate soli gli anziani"

“Noi possiamo aiutarvi – dice dai microfoni di AgrigentoNotizie il comandante provinciale dei Carabinieri di Agrigento Stingo – ma abbiamo anche bisogno di essere aiutati, quindi mi rivolgo alle famiglie, non lasciate da soli i vostri  anziani, soprattutto in questi periodi perché la loro fragilità li rende ancora più vulnerabili e che, sentendosi soli, potrebbero aprile la porta di casa agli sconosciuti che potrebbero anche essere dei malviventi”.

"Ti spezzo il collo", prima le minacce e poi le botte: così sono stati rapinati 3 anziani
"Ti spezzo il collo", prima le minacce e poi le botte: così sono stati rapinati 3 anziani 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/racalmuto-rapina-violenta-3-fratelli-anziani-4-arresti-palma-di-montechiaro.htmlPreziosa, per le indagini, è stata la collaborazione dei cittadini di Racalmuto. “La svolta – specifica il capitano Luigi Pacifico, comandante della compagnia carabinieri di Canicattì – c’è stata quando da Racalmuto è arrivata la segnalazione da parte di persone che avevano notato un’automobile con quattro persone sospette a bordo, annotando anche il numero di targa. Questo indizio – conclude l’ufficiale – è stato fondamentale per risalire all’identità di queste persone”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento