Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maniglia: "Sarò il sindaco di tutti, il Comune verrà portato avanti assieme ai cittadini"

Il neo sindaco ha ribadito che puntando sul turismo vuole rilanciare Racalmuto e la sua economia

 

E' al grido di "Sei l'orgoglio di Racalmuto" che il neo sindaco di Racalmuto, Vincenzo Maniglia, è stato accolto, in piazza Francesco Crispi, per il comizio di ringraziamento. La "nottata della rivincita" è finita e, adesso, è il momento di ringraziare prima e di mettersi al lavoro immediatamente dopo. "Tre mesi fa, quando abbiamo iniziato questa competizione, non pensavo d'arrivare a questo punto: d'essere io il sindaco di Racalmuto. Ebbene questo sogno si è avverato, da 30 anni io faccio politica attiva - ha detto Maniglia - . Ho dimostrato agli avversarsi che, alla fine, il lavoro, la serietà, la coerenza paga perché la gente ti riconosce. Io percepivo, in questi giorni, l'entusiasmo delle persone. E' chiaro - ha spiegato - che trattandosi di una elezione comunale, in cui sono coinvolti parecchi familiari, non è facile che alla fine quello che la gente ti dimostra incontrandoti è quello che viene fuori dalle urne".

Con il 30,59 per cento è il nuovo sindaco di Racalmuto, Maniglia: "Subito i lavori al cimitero e ossigeno alle maestranze"

"Fino alle 4 di mattina stavo con il fiato sospeso perché c'è stata una vera competizione elettorale - ha ammesso Maniglia - . Racalmuto ha voluto premiare una squadra. Otto solo si siederanno in consiglio comunale, ma noi abbiamo sempre detto che sono 12 i consiglieri. Anche gli altri 4 pertanto avranno un ruolo: saranno protagonisti dell'azione politica. Noi con i cittadini abbiamo sottoscritto un patto e il programma elettorale si rispetta, non è carta straccia. E' un programma semplice, basato sul tentativo di risollevare le sorti di questo paese. Noi siamo a due passi da Agrigento e siamo la città natale di Leonardo Sciascia che ci pone in una posizione di privilegio rispetto ad altre cittadine della provincia". Maniglia puntando sul turismo vuole, e lo ha ribadito più volte, rilanciare Racalmuto e la sua economia. 

Ecco gli eletti al consiglio comunale e tutte le preferenze 

"Il Comune verrà portato avanti assieme ai cittadini perché è chiaro che se un sindaco non riesce ad avere un rapporto serio con i cittadini, alla fine dei 5 anni si trova solo. Ho deciso, assieme agli altri colleghi, che darò ampio spazio ai cittadini - ha detto, sempre durante il comizio di ringraziamento, - . Farò uno, due giorni di ricevimento solo al pubblico perché è bene ascoltare e non liquidare il cittadino in cinque minuti. Vogliamo dare una nuova prospettiva al nostro paese. 

IL VIDEO. Vincenzo Maniglia stacca Cinzia Leone ed è il sindaco di Racalmuto 

Ad augurare "lavoro, lavoro, lavoro" al sindaco Maniglia e a tutta la sua squadra - sul palco di piazza Crispi - c'è stato il direttore della miniera Italkali di Racalmuto Gigi Scibetta che, di recente, ha ricevuto la "Stella al lavoro": "Se lavoreranno come lavoriamo noi in miniera - ha detto Scibetta - credo che Racalmuto cambierà".

"Cari cittadini avrete la possibilità di avere, con questa squadra, una maggioranza e una opposizione - ha tenuto a ribadire, ricordando quanto è accaduto nel recente passato, Vincenzo Maniglia - . L'opposizione deve fare da pungolo, la maggioranza deve essere stimolata dall'opposizione. Solo così noi potremo ridare la fiducia nelle istituzioni e nella politica. Io sarò il sindaco di tutti".   

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento