Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scala dei Turchi, studenti e volontari in spiaggia: è sfida a chi raccoglie più rifiuti

 

Volontari al lavoro per ripulire la spiaggia della Scala dei Turchi. Questa mattina gli attivisti del circolo “Rabat” di Agrigento insieme agli operatori ed ai volontari del servizio civile nazionale degli uffici delle riserve naturali “Grotta di Sant’Angelo Muxaro” e “Macalube di Aragona” hanno dato vita ad una "pulizia straordinaria" del tratto di spiaggia tra gli scavi della Villa Romana di Realmonte e la scogliera di marna. 

L’iniziativa è stata patrocinata dall’amministrazione comunale di Realmonte e, accanto ai volontari di Legambiente, sono stati protagonisti anche gli alunni della scuola media “Garibaldi” di Realmonte, chiamati a partecipare ad una sfida: la #5minuteschallenge, vale a dire quanti rifiuti si riescono a raccogliere in soli 5 minuti. 

Presente alla "mattinata ecologica" anche il sindaco di Realmonte, Calogero Zicari. "Il servizio comunale di pulizia delle spiagge - ha detto il primo cittadino - si svolge solo nel periodo estivo, quindi nel resto dell'anno i cittadini devono collaborare con noi cercando di sporcare meno. Abbiamo voluto dare un segnale positivo ai cittadini, pulendo la spiaggia di nostra competenza, siamo felici di farlo insieme a Legambiente ed alle scuole". 

Ma sono ancora troppi i rifiuti che continuano a depositarsi sulla spiaggia. Lo conferma Claudia Casa, responsabile del Circolo "Rabat" di Legambiente. "Alcuni arrivano dal mare altri dall'entrorerra, - ha detto l'ambientalista - questo è frutto anche del difetto dei comporamenti sbagliati da parte dell'uomo. Abbiamo condotto delle indagini e ancora una volta è la plastica a farla da padrona, ma quello che è più pericoloso è la diffusione delle microplastiche, che vanno a finire nella catena alimentre e quindi nel nostro piatto".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento