Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ristorante chiuso per inciviltà, il sindaco Carmina: "Proviamo a trovare una soluzione”

L'amministratore si è detto disponibile ad un eventuale incontro con la ristoratrice Rosalba Filippazzo, ma la zona della maxi discarica non è tutta di proprietà comunale

 

La paradossale storia di Rosalba, ristoratrice empedoclina, titolare di un locale sulla suggestiva spiaggia del Caos, costretta a chiudere i battenti per l’inciviltà di molti che hanno trasformato la zona in una maxi discarica a cielo aperto, ha suscitato scalpore nell’opinione pubblica.

LA STORIA. Rossella Filippazzo: "Il mare non basta, chiudo il mio locale per inciviltà"

Diverse sono state le reazioni, così come tanti sono stati i messaggi di solidarietà rivolti alla caparbia imprenditrice che aveva lanciato un disperato appello di aiuto. La ristoratrice, amareggiata, aveva detto di essere disponibile anche a ripulire a sue spese l’area  invasa dai rifiuti e di dotare la zona di telecamere e illuminazione. Richiesta, che però, ad oggi non ha avuto nessuna risposta concreta anche perché ci sarebbe un problema di competenze territoriali. A spiegarlo è lo stesso sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina, secondo la quale, la zona sarebbe in parte suolo comunale mentre la restante parte di proprietà del demanio marittimo.

Per quanto riguarda la bonifica della zona di sua competenza, il sindaco, pone l’annoso problema delle magre casse comunali e dei relativi costi di intervento che graverebbero sulle bollette dei contribuenti empedoclini. Il sindaco di Porto Empedcole, dispiaciuta per la drastica scelta attuata dalla titolare del ristorante, si dice comunque pronta ad incontrarla in Municipio per cercare di trovare una soluzione. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento