Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il percolato finisce nel torrente", sequestrata dismessa discarica: un indagato

 

"Accertata l’immissione di rifiuti liquidi non pericolosi nel Vallonforte che attraversa la contrada Fauma del Comune di Porto Empedocle". A realizzare l'ispezione prima e il sequestro dopo - sotto il coordinamento del sostituto procuratore Antonella Pandolfi - dell'intera discarica non più operativa, la cui responsabilità ricade sull'Iseda, sono stati i militari della Guardia costiera di Porto Empedocle. Posti sottosequestro, in maniera particolare, due cisterne seminterrate di stoccaggio temporaneo, due pozzetti di raccolta di percolato e quattro contenitori in plastica da 1000 litri cadauno: che si trovano nella dismessa discarica.

Sversamento di percolato, sequestrate cisterne e pozzi 

L’indagine, nel quadro della costante attività di controllo del territorio ed in particolare di prevenzione e contrasto delle violazioni ambientali, ha avuto inizio lo scorso ottobre. L’attività di controllo ha permesso di accertare - hanno ricostruito e reso noto dalla Capitaneria di porto empedoclina - che il percolato formatosi dalla decomposizione dei rifiuti e dall’azione delle acque meteoriche si riversa ininterrottamente nel torrente “Forte” che attraversa la contrada Fauma, provocando un presunto inquinamento alle acque utilizzate dagli agricoltori e dagli allevatori della zona.

Le indagini sono state svolte con il supporto del personale tecnico Upg dell’Arpa che ha effettuato i campionamenti dei liquidi e dei terreni da caratterizzare. "Per individuare ulteriori responsabilità dell’indagato che, omettendo le dovute verifiche, ha permesso tale immissione illecita, in violazione del testo unico ambientale" - ha concluso la Capitaneria di porto di Porto Empedocle - . L'indagato è l'amministratore delegato dell'Iseda Pietro Alongi, meglio conosciuto come Giancarlo. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento