Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La polizia ricorda Giovanni Palatucci, l’ex questore eroe dell’Olocausto

Nella caserma Anghelone, un albero di ulivo e un monumento ricordano il sacrificio del poliziotto che salvò molti ebrei dalla deportazione

 

Nel girono del settantaseiesimo anniversario della morte dell’ex questore di Fiume, servo di Dio, Giovanni Palatucci, ucciso nel lager nazista di Dachau il 10 febbraio 1945, La Polizia lo ha ricordato. Nella caserma Anghelone di Agrigento, un monumento e un albero d’ulivo, sono stati dedicati alla memoria del poliziotto che lo Stato di Israele ha insignito “Giusto tra le nazioni”. 

Nel presidio di Polizia di via Crispi, nel rispetto delle misure di distaziamento dettate dall’emergenza Coronavirus, si è svolta una sobria cerimonia a cui, fra gli altri, ha partecipato anche il prefetto di Agrigento, Maria Rita Coccifa.  “Palatucci – dice dai microfoni di AgrigentoNotizie, il questore Rosa Maria Iraci – si mise  al servizio della dignità umana, la sua competenza professionale, cercando mediante la produzione di documenti falsi o distruggendo gli archivi, di salvare gli ebrei dalla deportazione. Per noi – conclude il questore di Agrigento – è un esempio di grande coraggio”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento