Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Passerella alla Scala dei Turchi, non si placano le polemiche

 

È polemica sulla passerella installata alla Scala dei Turchi. Il piccolo passaggio pedonale è stato predisposto per evitare di utilizzare la zona interdetta per motivi di sicurezza e si trova ai piedi del cosiddetto "corno".

Sulla vicenda torna l'associazione Mareamico Agrigento, che ha realizzato anche un video. "Come si sa bene - si legge in una nota di Mareamico - dallo scorso 16 dicembre la Scala dei Turchi è chiusa per colpa di un crollo della marna. Pertanto sia il comune che la capitaneria hanno dovuto emettere un'ordinanza che ne vieta il transito. Già da quella data Mareamico aveva invocato che venisse fatta una semplice operazione di disgaggio (che consiste nel rimuovere parti o frammenti di roccia a rischio di distacco e caduta). Operazione che poteva essere fatta in una settimana con costi irrisori". 

"Invece l'amministrazione - prosegue Mareamico - ha insistito nel voler costruire una lunga ed inutile passerella (50 metri di lunghezza per 3 metri di larghezza) che non ha ricevuto l'autorizzazione dagli organi preposti al controllo. A questo punto gli operatori turistici, preoccupati per la lunga chiusura della scala dei turchi, hanno realizzato una piccola pedana (di 7 metri di lunghezza) per permettere di far salire i visitatori sulla marna, in un posto lontano dal rischio crolli, realizzando un nuovo itinerario in acqua segnalato dalle boe. Questa idea geniale (non gradita dai visitatori che continuano a percorrere il vecchio tracciato vietato dalle ordinanze) permetterebbe di aprire al pubblico il monumento, anche se è orribile dal punto di vista visivo e dovrà ancora superare la forza delle sciroccate estive". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento