Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ruspe in azione a Palma, il grido di dolore dell'ex proprietario: "Perché non hanno demolito subito?"

 

Ne aveva fatto un bed & breakfast. Tutti gli anni del suo lavoro, a partire dal 1964, li aveva investiti in quell'immobile di contrada Ciotta, a Palma di Montechiaro. Una villa su due elevazioni che oggi ha iniziato - autonomamente - a demolire. E' incredulo, forse anche arrabbiato, Calogero Scerra che ha raccontato tutta la storia del fabbricato. L'uomo ha un unico interrogativo: "Perché non hanno demolito subito? Perché non mi hanno fermato prima?".

 

"Se venivano prima - ammette - guadagnavo in spese e dolori. Mi hanno tolto il sorriso - ha aggiunto - . Lo so che sono abusivo, però prima di cominciare dalle case dei non residenti a Palma di Montechiaro, ce ne sono altre. E se demolivano le altre, il mio dolore non c'era".

LEGGI ANCHE: Immobile abusivo, l'ex proprietario decide di procedere autonomamente  

"Ho cercato di fare un bed & breakfast - ha spiegato - . Veniva la gente dall'estero, a fare le ferie qua. Veniva la gente e guadagnava il paese. Ora si è perso tutto". E poi ancora, non riuscendo a darsi pace: "La gente ha speso milioni di euro, perché non ci hanno fermato prima?". Scerra non accetta un altro "dettaglio": "Ho pagato l'Ici e l'Imu. Il Comune i soldi se li è presi". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento