Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' un uomo d'onore, femmine e bambini non si toccano": le intercettazioni

In una delle conversazioni vengono definite "bombe" i telefonini che potrebbero essere intercettati dalle forze dell'ordine

 

Gli inquirenti hanno intercettato le conversazioni tra i sodali dell'organizzazione criminale. Nel primo dialogo del video doffuso dai carabinieri, è evidenziata la caratura criminale di Giovanni Lauria "che in qualità di portavoce di Giuseppe Falsone Giuseppe, è stato protagonista di dinamiche associative di assoluto rilievo  che hanno visto coinvolti i massimi vertici di cosa nostra siciliana". 

"Come se io la mattina quando mi sveglio e con una mano tocco il crocifisso e 'dra banna' ho il quadro di Totò Riina e mi faccio la croce"

Nel secondo momento di conversazione invece, un esponente della criminalità organizzata calabrese, lamenta di non aver ricevuto il pagamento per la fornitura di droga e chiede l’aiuto a Giacomo Casa  (esponente della famiglia di Licata),  sottolineando come i calabresi, nutrendo rispetto per l’autorità criminale del Lauria, non intendano procedere autonomamente al regolamento di conti con il soggetto siciliano insolvente. Nel terzo dialogo intercettato invece, Giovanni Mugnos e Lucio Lutri  sottolineano la necessità di non utilizzare i telefoni in quanto intercettabili  (quindi pericolosi come “bombe”) Nell'ultima coversazione diffusa dai militari dell'Arma, emergono invece  le caratteristiche criminali di Giovanni Lauria : in qualità di mafioso “vecchio stampo”, il ‘professore’ rispetta le regole della  “vecchia mafia” (quali il disprezzo per il traffico di droga e il divieto di uccidere donne e bambini) ma,  nel contempo, è inflessibile nel punire chi si è reso responsabile di una mancanza.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento